Corso/Concorso selettivo di formazione dirigenziale 

DENOMINAZIONE: Corso-Concorso selettivo di formazione dirigenziale

ENTE ORGANIZZATOREMIUR (Ministero Istruzione Università Ricerca)

MODALITA’: l’ammissione al corso-concorso avviene mediante concorso pubblico per esami (prova preselettiva, prove scritte e prova orale). Nei mesi successivi all’uscita del decreto in G.U. la SNA emanerà il bando di concorso che dovrebbe definire il numero di posti disponibili in ogni regione e date, sedi e modalità delle prove.

DESTINATARI: insegnanti di ruolo anche senza esperienza, purché in possesso di laurea magistrale o specialistica o di diploma secondo livello AFAM o titoli equivalenti di vecchio ordinamento.

NUMERO POSTI: si sta ancora verificando il fabbisogno. Il numero dei candidati ammessi è superiore del 20% rispetto ai posti vacanti. Il numero di posti viene individuato anche su base regionale.

BANDO DI CONCORSO: dovrebbe essere bandito con cadenza annuale entro il 30 novembre di ogni anno e pubblicato in Gazzetta Ufficiale.

QUOTA D’ISCRIZIONE: sono previsti ca 10€ come quota utente per le spese della procedura concorsuale

MODALITA’ DELLE PROVE: dovrebbero essere previste 3 prove di accesso: 1 prova preselettiva (test a crocette), prevista solo nel caso, praticamente certo, che i candidati siano superiori di 5 volte ai posti messi a concorso; 1 prova scritta e 1 prova orale. Le prove di esame si svolgono a Roma nella sede e con le modalità indicate dal bando di concorso.

PROVA PRESELETTIVA: test dovrebbe essere articolato in quesiti a scelta multipla su tematiche relative ai sistemi formativi e agli ordinamenti degli studi in Italia e nei paesi dell'Unione europea, al management delle istituzioni scolastiche, oltre che alle specifiche aree giuridico-amministrativo-finanziaria, socio-psicopedagogica, organizzativa, relazionale e comunicativa. L'esito della prova di preselezione non concorre alla formazione del voto finale nella graduatoria di merito.

Quest’anno non è prevista l’erogazione del MIUR di una batteria di test di preparazione, il cosiddetto “librone”.

PROVA SCRITTA: la prova scritta dovrebbe consistere in una parte teorica, un saggio su sistema educativo nazionale e dei principali paesi dell’UE, gestione finanziaria, tecnica ed amministrativa delle istituzioni scolastiche, gestione del relativo personale e conoscenza dei principi generali dell’organizzazione e della comunicazione, e in una parte pratica, costituita da un questionario/compito su casi concreti.

PROVA ORALE: sono ammessi i candidati che hanno riportato in ciascuna prova scritta un punteggio non inferiore a 21/30. Consisterebbe in un colloquio finalizzato a far emergere la capacità del candidato di affrontare le questioni concrete e di impostarne le soluzioni. Si valuterebbero inoltre le Tecnologie informatiche e della comunicazione, anche con verifica pratica. Si dovrebbe valutare anche la competenza per la lingua inglese di livello B2 attraverso la lettura e la traduzione di un testo scelto ed una conversazione.

VALUTAZIONE TITOLI: valutati soltanto se si superano le prove scritte e la prova orale e per un massimo di 20 punti, 10 per titoli professionali e 10 per titoli culturali. Ecco quanto previsto:

  1. Master di secondo II livello didurata annuale corrispondente a 1.500 ore e 60 crediti o titoli equiparati su materie inerenti il profilo professionale del dirigente scolastico e rilasciati da università statali o equiparate - Punti 3,50.
  2. Master in scienze dell’educazione conseguito presso università in Italia o all’estero, di durata annuale corrispondente a 1.500 ore e 60 crediti  - Punti 2,00
  3. Altro master, diploma o attestato di corso di specializzazione o di perfezionamento, conseguito presso università in Italia e all’estero, di durata annuale corrispondente a 1.500 ore e 60 crediti con esame individuale finale. Si valuta un solo titolo - Punti 1,00
  4. Partecipazione a corsi di formazione, della durata di non meno di 20 ore, organizzati da soggetti qualificati e /o enti accreditati (es. CFIScuola), riguardanti la progettazione, l’organizzazione e la gestione delle istituzioni scolastiche autonome, compresa la Nuova ECDL - Punti 0,10

CORSO/CONCORSO: si comporrebbe di una breve parte d’aula a Roma e di una parte di e-learning che complessivamente dovrebbero impiegare il candidato per circa 2 mesi e di un tirocinio, anch’esso di 4 mesi, in un’istituzione scolastica vicina individuata dall’USR della propria regione. I partecipanti sarebbero esonerati dai loro obblighi di servizio, mantenendo le voci stipendiali in godimento. Il periodo di esonero è valido ai fini della carriera e pensionistici. Le spese di viaggio, vitto e alloggio sono a carico dei partecipanti. I vincitori potranno scegliere più regioni per essere assunti.

Informazioni in fase di revisione e aggiornamento, in attesa del Decreto ufficiale

Fonte: Concorso Dirigenti Scolastici.it

È pronto il Regolamento del corso-concorso per la …

È pronto il Regolamento del corso-concorso per la nuova selezione di dirigenti scolastici. Il testo è stato trasmesso oggi al Consiglio superiore della pubblica istruzione (CSPI) per acquisirne il parere...

21-06-2016 Visite:1388 Concorso Dirigenti Scolastici

Leggi tutto

Corso di formazione "Le Istituzioni Scolastic…

PERCORSI  PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE  PARTICOLARMENTE UTILI PER CHI INTENDE PARTECIPAREAL PROSSIMO CONCORSO A POSTI DI DIRIGENTE SCOLASTICO www.andis.it www.aimc.it

19-05-2016 Visite:1228 Concorso Dirigenti Scolastici

Leggi tutto

Corso/Concorso selettivo di formazione dirigenzial…

Riforma della scuola in Gazzetta Ufficiale.  Il DDL Scuola è diventato legge il 16/7/2015.  Il 15 luglio è stato pubblicato il testo sulla Gazzetta Ufficiale. RIFORMA DELLA SCUOLA (LEGGE 13 luglio 2015, n...

19-05-2016 Visite:1350 Concorso Dirigenti Scolastici

Leggi tutto
Redazione - Ven 20 Mag - 13:18

Lascia pure un tuo messaggio o una tua richiesta di informazione !

Cancella